Month: settembre 2016 (page 1 of 2)

ANCHE L’ASSEMBLEA DEI SOCI DEL GAL APPROVA L’INTERA STRATEGIA “ELORO 2020″ E LA PROPOSTA DI P.A.L. “ELORO”

ANCHE L’ASSEMBLEA DEI SOCI DEL GAL APPROVA L’INTERA STRATEGIA “ELORO 2020″ E LA PROPOSTA DI P.A.L. “ELORO”

Ieri, 28 settembre, alle ore 17:00, presso l’Aula Consiliare di Palazzo Ducezio a Noto, si è riunita l’Assemblea dei soci del GAL Eloro, presenziata dal Presidente del GAL, Vincenzo DELL’ALBANI, che ha dato la parola al Direttore, Sergio CAMPANELLA, per illustrare all’Assemblea i contenuti ed i risultati del lungo percorso partecipativo che ha portato alla definizione della Strategia di Sviluppo Locale di Tipo Partecipativo (SSLTP) “ELORO 2020″, approvata dal Forum partenariale del GAL Eloro lo scorso 30 giugno; e del nuovo Piano di Azione Locale (P.A.L.) “ELORO”.
Il Direttore ha quindi proceduto all’esposizione delle 13 azioni che compongono il P.A.L. ELORO, di cui 7 azioni attinenti al primo ambito tematico (Asse prioritario di intervento 1: “Sviluppo e innovazione delle filiere e dei sistemi produttivi locali”) e 6 azioni afferenti al secondo ambito tematico (Asse prioritario di intervento 2: “Turismo sostenibile”), illustrando anche la dotazione finanziaria sia di ciascuna azione, sia degli assi di intervento, sia per fondo europeo di attingimento. Ha anche evidenziato come ben 4 azioni su 13 siano di tipo trasversale e come in ogni caso, la maggioranza delle azioni previste tende a tenere in considerazione entrambi gli ambiti tematici, esprimendo un armonioso equilibrio non solo tra le azioni tra di loro, ma anche tra di esse e l’idea-forza, ossia la dieta mediterranea come stile di vita; e tra di esse e l’obiettivo trasversale del P.A.L., che mira a promuovere l’innovazione di processo, di prodotto e di servizi nel comprensorio elorino.
A conclusione dell’esposizione, i soci si sono complimentati per la qualità del P.A.L., definito dai più come “molto convincente” e strategicamente avvincente e, passati ad esprimersi mediante votazione, hanno approvato il P.A.L. ELORO all’unanimità.
Adesso lo staff tecnico che ne sta redigendo la stesura definitiva, dovrà completare i lavori entro e non oltre il 2 ottobre prossimo per consegnare in tempo utile la proposta di P.A.L. alla Regione Siciliana, come da scadenza del bando concernente la Misura 19.2 del PSR “Sicilia” 2014-2020.
Anche un quotidiano come il Giornale di Sicilia dedica un articolo nella cronaca di Avola al percorso partecipativo fin qui realizzato dal GAL Eloro, come da immagine qui riportata.

articolo1

APPROVATA LA PROPOSTA DI PIANO D’AZIONE LOCALE (P.A.L.) “ELORO” DAI FORUM PARTENARIALI TEMATICI A CONCLUSIONE DEL PERCORSO PARTECIPATIVO CHE HA DATO VITA ALLA STRATEGIA “ELORO 2020”

APPROVATA LA PROPOSTA DI PIANO D’AZIONE LOCALE (P.A.L.) “ELORO” DAI FORUM PARTENARIALI TEMATICI A CONCLUSIONE DEL PERCORSO PARTECIPATIVO CHE HA DATO VITA ALLA STRATEGIA “ELORO 2020”

Ieri, 26 settembre, a partire dalle 16:00 presso il Centro Giovanile di Avola, in Viale Piersanti Mattarella 9, si sono svolti i due Forum partenariali riuniti per ambito tematico, allo scopo di approvare la bozza di Piano di Azione Locale presentata dallo staff tecnico del GAL Eloro.

Alla presenza dei numerosi partner intervenuti, del Presidente, Vincenzo DELL’ALBANI, di alcuni consiglieri di amministrazione e di tutto lo staff tecnico del GAL Eloro al completo, il Direttore del GAL, Sergio CAMPANELLA, ha illustrato la proposta di P.A.L., come risultato della sintesi scaturente dal percorso partecipativo realizzato da tutto il partenariato tramite i vari laboratori tematici e trasversali che si sono fin qui succeduti. Lungo tale percorso, i partner si sono espressi in merito ai problemi e fabbisogni, ai punti di forza e di debolezza, ai rischi ed opportunità offerti dal territorio; ed hanno proposto una serie di obiettivi ed interventi specifici di cui poter tenere conto nella fase di redazione della proposta di P.A.L.. E proprio grazie a tale percorso partecipativo e di confronto, si è giunti alla proposta, per come qui di seguito sintetizzata.

Per l’ASSE PRIORITARIO 1 “Sviluppo e innovazione delle filiere e dei sistemi produttivi locali”:
 Azione 1.1.1. Sostegno alla creazione o allo sviluppo di imprese extra agricole (FEASR 6.4.c)
 Azione 1.1.2. Laboratorio di progettazione strategica (Azione a regia GAL, FEASR 7.1)
 Azione 1.2.1. Festival dell’Innovazione (FEASR 1.2)
 Azione 1.2.2. Azioni di dimostrazione (FEASR 1.2)
 Azione 1.2.3. HUB RURALE per l’occupazione e l’inclusione (Azione trasversale a regia GAL in convenzione, P.O. FESR 1.3.2)
 Azione 1.2.4. Agrisociale (FEASR 16.9)
 Azione 1.2.5. Piazza Telematica (P.O. FESR 2.3.1)

Per l’ASSE PRIORITARIO 2 “Turismo sostenibile”:
 Azione 2.1.1 Rete degli operatori per la costruzione di un prodotto turistico integrato (P.O. FESR 3.3.3)
 Azione 2.1.2 Supporto allo sviluppo di prodotti e servizi complementari alla valorizzazione di identificati attrattori culturali e naturali del territorio (P.O. FESR 2.3.2)
 Azione 2.2.1. Infrastrutture turistiche su piccola scala (FEASR 7.5)
 Azione 2.3.1 Interventi di manutenzione, restauro e riqualificazione del patrimonio culturale e naturale (FEASR 7.6)
 Azione 2.4.1. Po.R.Co. “RURALMED” – Potenziamento della Rete di Cooperazione “Ruralità Mediterranea” (PSR Mis. 19.3 Cooperazione)
 Azione 2.4.2 Comunicazione (Azione trasversale a regia GAL in convenzione, FEASR 7.5)

Le azioni come sopra elencate sono in grado di attivare una spesa complessiva sul Fondo FEASR pari ad EUR 4.460.000,00; e sul Fondo FESR pari ad EUR 6.100.000,00; per un importo totale di EUR 10.560.000,00 fino al 2020.

A seguito dell’illustrazione delle singole azioni del P.A.L., il Direttore ha passato la parola alla platea dei partner per discutere nel merito la proposta presentata: diverse sono state le domande poste al fine di verificare se alcune delle proposte fatte nei vari laboratori partecipativi potessero essere individuate in taluna o talaltra azione e il Direttore si è adoperato a fornire tutti i chiarimenti necessari, finanche sottolineando che l’azione 2.4.1 non attinge al totale di risorse finanziarie sopra menzionate, poiché viene finanziata a parte, con apposito bando regionale incentrato sulla cooperazione, attività per la quale il GAL Eloro è ufficialmente riconosciuto al secondo posto al livello nazionale, ossia secondo fra i 192 GAL italiani, specificatamente per qualità della progettazione realizzata e dinamismo progettuale dimostrato, come attestato in un’indagine dell’INEA (oggi CREA) del marzo 2014, commissionata dalla Rete Rurale Nazionale.

La platea partenariale si è, in generale, complimentata per l’enorme sforzo di sintesi inclusiva compiuto dallo staff tecnico del GAL Eloro e non ha esitato a confermare la sua piena approvazione di uno strumento, come il P.A.L. ELORO appena illustrato, che può essere in grado di dare una sferzata positiva allo sviluppo locale sostenibile del comprensorio territoriale elorino.

Il Direttore ha ringraziato tutti ed ha confermato che gli incontri partecipativi continueranno, qualora la proposta di P.A.L. venisse selezionata dalla Regione Siciliana, lungo tutto l’iter di gestione del Piano d’Azione medesimo, in un percorso di condivisione stabile e continuativo che, a conclusione dell’iter gestionale, dovrà vederci tutti impegnati anche nella valutazione ex post delle azioni realizzate.

Adesso la parola passa all’Assemblea Generale del GAL Eloro che, tenendo conto della convalida espressa dal partenariato, il quale è giunto a ben 92 soggetti aderenti, si appresterà a darne approvazione definitiva per la sua più corretta presentazione all’Autorità di Gestione del PSR “Sicilia” 2014-2020 entro il 2 ottobre 2016, data di scadenza del Bando Mis. 19.2.

14492502_1092285067521853_3611575412351182436_n 14390651_1092285380855155_3884627386491155433_n 14390848_1092285157521844_5004556439257032121_n 14470536_1092285227521837_2209358192218372460_n 14446139_1092285517521808_5232348606564334886_n 14457498_1092285464188480_6818245728210577836_n 14462791_1092285567521803_7722086130541116083_n 14449760_1092285604188466_936314894955462445_n 14440635_1092285644188462_720169202355993674_n 14449924_1092285697521790_4275053239585240736_n 14494894_1092285787521781_3755170154141455900_n 14516369_1092285974188429_3261486640305932779_n 14432936_1092285934188433_2710789744926087726_n

3° LABORATORIO PARTECIPATIVO TRASVERSALE sulla promozione dell’innovazione per agroalimentare e turismo, tenutosi al Centro Giovanile di Avola martedì 20 settembre 2016

3° LABORATORIO PARTECIPATIVO TRASVERSALE sulla promozione dell’innovazione per agroalimentare e turismo, tenutosi al Centro Giovanile di Avola martedì 20 settembre 2016

L’incontro ha avuto inizio alle ore 17:00, dopo la registrazione dei partecipanti, alla presenza del Presidente, Vincenzo DELL’ALBANI, di alcuni consiglieri di amministrazione, del Direttore, di parte dello staff degli animatori, del segretario amministrativo e della segretaria organizzativa del GAL Eloro.

Il Direttore del GAL Eloro, Sergio CAMPANELLA, ha introdotto i lavori del laboratorio trasversale, che riguarda entrambe le tematiche principali, agroalimentare d’eccellenza e turismo sostenibile, e le collega trasversalmente in modo da accrescere il valore aggiunto del piano di azione locale del nostro comprensorio e le relative attività che verranno realizzate, facendo presente che rimangono solo pochi giorni prima della data di scadenza per la presentazione del PAL alla Regione Siciliana, fissata per il 2 ottobre prossimo; quindi ha ribadito come sia di fondamentale importanza terminare la raccolta delle proposte da inserire nel piano per poi elaborare e razionalizzare i dati a disposizione e inserirli nel piano stesso.

Al fine di partire da uno spunto di intervento che si prefigge di mettere a sistema l’insieme delle proposte finora avanzate dai partner, il dott. CAMPANELLA ha ripreso la presentazione in PowerPoint sull’Hub giovanile che era stata esposta in occasione del laboratorio trasversale dello scorso luglio, dopo averla opportunamente modificata ed aggiornata sulla base dei contributi ricevuti, e spiega le caratteristiche di un Hub, che fisicamente dovrebbe essere un immobile di proprietà di un ente pubblico rifunzionalizzato, ossia un fabbricato di archeologia industriale se in periferia, oppure di pregio storico-architettonico se in centro storico, che andrebbe rivitalizzato offrendolo in gestione a giovani, donne e uomini, con problemi di inserimento nel mercato del lavoro, insieme ad altri gruppi vulnerabili. Il comprensorio elorino ha un gran numero di giovani disoccupati che costituiscono un potenziale enorme per lo sviluppo locale e la carenza di prodotti e servizi innovativi a supporto dei settori agroalimentare e turistico rappresenta una seria opportunità per i giovani e le altre categorie svantaggiate del territorio.
Si tratta quindi, principalmente, di uno spazio per start-up operanti nelle nuove economie, in quanto queste sono più resilienti e resistenti ai periodi di crisi; ma anche nei settori della cooperazione e dello sviluppo sostenibile.
Svariate sono le attività che possono essere realizzate all’interno dell’Hub, quali, a titolo esemplificativo:
– collegamento fattivo tra imprenditoria, università, ricerca, inclusione di categorie svantaggiate, innovazione, collaborazione tra pubblico e privato;
– cooperazione, nelle nuove economie emergenti e nello sviluppo sostenibile;
– eventi di fund-raising, con il coinvolgimento di istituti finanziari o di business angels per il micro-credito ai giovani, eventi di crowdfunding, e così via;
– eventi di collegamento della ricerca con il territorio (es., Festival dell’Innovazione) che facilitino le attività di counselling, mentoring, coaching, necessarie nella fase di pre-incubazione delle microimprese;
– incubazione e sostegno alle start-up.
Oltre alle attività locali, possono essere implementate anche azioni di più ampio respiro, come la possibilità di creare reti e fare sistema con altri Youth Hub, di partecipare a bandi europei, regionali, ecc., di operare nel settore della cooperazione transnazionale, promuovere il co-working e la messa in rete tra start-up, imprenditori e ricercatori. Insomma, un’infrastruttura come quella dello Youth Hub ben si presta all’obiettivo trasversale della promozione dell’innovazione sul territorio, perché assicura il dispiegarsi di tale promozione e l’apporto concreto di innovazione nel territorio in maniera stabile e continuativa, favorendo altresì il potenziamento di processi fortemente inclusivi e di dinamiche collaborative tra le sfere pubblica e privata.

Al termine della presentazione, il dott. CAMPANELLA ha aperto un giro di tavolo in cui il gruppo di partecipanti ha espresso gli interventi specifici da prendere in considerazione nella redazione del PAL, ma anche interventi di tipo infrastrutturale da finanziare nell’ambito del P.O. FESR “Sicilia” 2014-2020, di cui il GAL Eloro deve farsi portavoce presso la Regione Siciliana, che gestisce questo fondo e ne alloca le risorse anche sulla base delle esigenze espresse dai vari GAL.

Di seguito la lista degli interventi suggeriti:

AGROALIMENTARE
– organizzazione di eventi che valorizzino il territorio e i suoi prodotti da svolgere nell’arco di tutto l’anno e non solo nel periodo estivo, quali la Festa del Mandorlo (da tenere in febbraio/marzo), la Festa degli Agrumi (da tenere nel mese di maggio), la Festa dell’Uva (da tenere nel mese di settembre), la Festa dell’Olio (da tenere nel mese di ottobre) sia per dare il giusto risalto alle produzioni stagionali che per far conoscere le peculiarità del territorio nelle varie stagioni;
– una seria campagna di educazione alimentare che contribuisca a valorizzare tra la popolazione locale, in particolare giovanile, la dieta mediterranea ed il consumo dei prodotti che la compongono;
– l’istituzione di un protocollo di intesa tra i produttori e gli esercenti affinché vengano utilizzate in preminenza, se non esclusivamente, le materie prime locali, come promozione concreta dei prodotti tipici locali;
– sviluppo di sinergie fra le aziende di produzione e trasformazione di prodotti biologici e biodinamici per la realizzazione di specifiche filiere agricole, ivi compresa la necessaria trasformazione, la comune partecipazione alle fiere di riferimento, la realizzazione di eventi promozionali con buyer nazionali ed esteri e quant’altro utile a far decrescere la marginalità delle aziende, all’insegna di cooperazione, innovazione, qualità, competitività, promuovendo la biodiversità dell’ambiente e lo sviluppo sostenibile;
– progetti formativi: corsi per chi avvia il processo di conversione in biologico, corsi per chi vuole migliorare qualità e produttività della propria azienda bio, corsi per chi vuole avviare la conversione in biodinamico, corsi per il controllo di gestione aziendale;
– eventi: convegni specializzati di settore agricoltura biologica e biodinamica ed ambiente, eventi sul territorio di promozione prodotti, aperti a pubblico e buyer, partecipazione a fiere di settore nazionali ed estere, marketing, promozione territorio e prodotti tipici bio in Italia ed estero con l’istituzione di manifestazioni premi qualità dei nostri prodotti più performanti (vino, olio, ecc.);
– settore biologico e biodinamico: incentivare la cooperazione con la realizzazione di filiere complete di prodotto, la creazione di un portale web associativo e relativa piattaforma logistica;
– sistemazione della viabilità rurale: è auspicabile un raccordo strategico tra amministrazioni locali e imprenditori per comprendere a quali strade rurali dare strategicamente la priorità;
– iniziative a sostegno dei produttori biologici per valorizzare e lavorare sul bio lungo tutta la sua filiera;
– creazione di una realtà in loco (per es. Hub) capace di: seguire le progettualità con consulenze specialistiche; formare un pool di progettisti tramite laboratori di progettazione strategica; realizzare corsi di formazione per favorire la cultura d’impresa per meglio gestirne le attività;
– valorizzazione del paesaggio agrario abbinandola alla sua bonifica per risolvere problemi quali le discariche abusive.

TURISMO SOSTENIBILE
– formazione e (ri)qualificazione del personale di reti e imprese turistiche che ne fanno parte;
– strutturazione organizzativa delle reti di imprese operanti nel turismo attraverso l’assunzione di personale altamente qualificato, idoneo a contribuire al raggiungimento degli obiettivi e a realizzare i programmi prefissati;
– istituzione di ulteriori Info-Point turistici nel territorio;
– istituzione di un servizio di trasporto turistico che consenta di fruire con facilità delle varie località del territorio;
– completamento della pista ciclabile lungo la tratta ferroviaria Noto-Pachino, i cui primi 7 km sono già stati finanziati e i lavori in fase di avvio;
– iniziative in favore del turismo culturale che valorizzino il territorio mettendo insieme risorse archeologiche, architettoniche ed enogastronomiche;
– festival del turismo scolastico legato al teatro, magari mettendosi in rete e coinvolgendo altri teatri e anfiteatri del sudest siciliano (per es. la Strada degli Scrittori del Val di Noto);
– iniziative che favoriscano la mobilità nel comprensorio da collegare a similari iniziative nel territorio già esistenti (per es.: bus scoperti previsti anche dalla Strategia Val di Noto; oppure l’attivazione del trenino barocco da mettere in rete con quelli esistenti nel ragusano);
– creazione di sinergie e reti tra le città UNESCO del Mediterraneo, ove esistono già, per es. in Tunisia, importanti agevolazioni fiscali;
– creazione di una realtà in loco (per es. Hub) capace di: seguire le progettualità con consulenze specialistiche; formare un pool di progettisti tramite laboratori di progettazione strategica; realizzare corsi di formazione per favorire la cultura d’impresa per meglio gestirne le attività;
– creazione di occasioni di turismo per non vedenti;
– organizzazione della Giornata dell’Innovazione.

Il dott. CAMPANELLA, ascoltate le proposte, ha rilevato che molte proposte si sposano perfettamente con la progettualità dell’Hub giovanile e ha sottolineato come sia di estrema importanza creare sinergie tra sfera pubblica e privata come nel caso, solo a titolo di esempio, della pista ciclabile lungo la vecchia linea ferroviaria Noto – Pachino dove, accanto all’infrastruttura principale creata dal pubblico, è necessaria l’allocazione di una serie di infrastrutture di servizio, da realizzare mediante l’investimento privato, che insieme possono creare un sistema di offerta turistica completo ed attrattivo. Il GAL cercherà di favorire queste sinergie, in modo da poter trovare la giusta via per il finanziamento sia delle opere infrastrutturali pubbliche che delle attività imprenditoriali da allocarvi a supporto.

Il dott. CAMPANELLA ha poi spiegato che, in merito all’Hub, si cercherà di accedere a finanziamenti FESR a livello d’infrastrutture, mentre al suo interno dovrebbero essere collocate una serie di progettualità che stiamo raccogliendo, da finanziare col PAL e che dovrebbero consentirne la gestione.
Inoltre, il GAL potrebbe certamente creare dei Laboratori di progettazione strategica, in modo da formare e far crescere nuovi professionisti capaci di progettare e seguire le progettualità relative a programmi europei, magari con un taglio innovativo e moderno.

Prima di concludere l’incontro, il Direttore del GAL Eloro ha informato i presenti che i tavoli di lavoro saranno organizzati anche nel corso dell’attuazione del PAL, per far si che le sinergie scaturite dal percorso che abbiamo intrapreso possano essere messe a frutto in modo continuativo anche lungo tutto il percorso di gestione e valutazione del PAL e, infine, ha aggiunto che ai Forum partenariali del prossimo 26 settembre, verrà presentata la bozza del PAL Eloro, ai fini della sua approvazione da parte del partenariato.

Alle ore 20:00 il Direttore del GAL Eloro ha ringraziato tutti i presenti e dato appuntamento a tutti ai Forum partenariali delle ore 16:00 di lunedì 26 settembre, sempre presso il Centro Giovanile di Avola, per la presentazione ed approvazione della bozza di PAL Eloro.

14390892_1090529244364102_1340789384198511616_n 14433212_1090529774364049_3556952052937528660_n 14484757_1090529417697418_2536941434642620539_n 14485110_1090529567697403_5260241571145928836_n 14370445_1090530034364023_7929942935022524550_n 14446192_1090529874364039_6158616276042210327_n 14463043_1090530161030677_7140022611473106003_n 14485088_1090530194364007_1916355681708623421_n 14391003_1090530247697335_7595262806334012014_n 14391009_1090530344363992_289211558611909109_n 14479790_1090530434363983_4054056610151632101_n 14433187_1090530557697304_3942130419274678610_n 14449711_1090530704363956_434220373736596168_n 14449778_1090530761030617_1291215307840287068_n 14462765_1090530834363943_6398977068400450290_n 14449904_1090530947697265_7974070399844689173_n 14441133_1090531084363918_172123165568497169_n 14354889_1090531567697203_8103873638712708178_n 14469459_1090533521030341_1650210167492807564_n 14440979_1090533651030328_2746474279569833872_n 14433151_1090533747696985_7431504283435718748_n 14440706_1090534027696957_594881666352443449_n 14449818_1090534094363617_1008962920842485205_n 14485072_1090534221030271_4568790690913160005_n 14457496_1090534397696920_4807254857559358841_n 14470475_1090534464363580_177825792630603664_n 14445999_1090534564363570_1460613603578411421_n 14479650_1090534644363562_7121865215615276147_n 14484685_1090534814363545_7399568071869795200_n 14390639_1090534931030200_1008951011116007224_n 14462879_1090535077696852_8766469985700485329_n 14445961_1090535161030177_3088253047569700995_n 14462851_1090535237696836_697707715179998987_n 14445991_1090535271030166_1268361062460150228_n 14370434_1090535437696816_995019678053972938_n 14368853_1090535497696810_942622766765443761_n 14469575_1090535594363467_8213716427499290898_n 14390664_1090535701030123_2187666971286732197_n 14446152_1090535821030111_3235807897531208173_n 14440976_1090535874363439_2765255589747668089_n

LABORATORI TEMATICI PARTECIPATIVI n° 5 e 6 sul rafforzamento delle filiere agroalimentari d’eccellenza ed il turismo sostenibile – Lunedì 19 settembre 2016, Centro Giovanile di Avola

LABORATORI TEMATICI PARTECIPATIVI n° 5 e 6 sul rafforzamento delle filiere agroalimentari d’eccellenza ed il turismo sostenibile – Lunedì 19 settembre 2016, Centro Giovanile di Avola

I laboratori partecipativi hanno avuto inizio alle ore 17:00, dopo la registrazione dei partecipanti, alla presenza del Presidente, Vincenzo DELL’ALBANI, di alcuni consiglieri di amministrazione, del Direttore, di parte dello staff degli animatori, del segretario amministrativo e della segretaria organizzativa del GAL Eloro.

Il Direttore del GAL Eloro, Sergio CAMPANELLA, ha introdotto i lavori dei tavoli e illustrato brevemente il percorso sinora seguito e lo stato dell’arte raggiunto: <<Siamo giunti ad una fase cruciale, poiché bisogna raccogliere le proposte di intervento e, quindi, le progettualità che s’intende inserire nel PAL: spetterà alla squadra di progettazione del PAL procedere ad un opportuno lavoro di accorpamento e razionalizzazione degli interventi proposti, in modo che ciascuno dei promotori possa ritrovarsi e riconoscersi nelle misure del PAL definitivo. Purtroppo, bisogna accelerare le tabelle di marcia in quanto si è appreso in base al Bando della Mis.19.2 pubblicato dalla Regione Siciliana che il PAL non dovrà essere presentato a fine ottobre ma giorno 2 ottobre; quindi, circa un mese di tempo in meno a disposizione per la stesura del Piano di Azione Locale ELORO>>.

Di conseguenza, si è aperto un giro di tavolo in cui il gruppo di partecipanti ha espresso gli interventi specifici da prendere in considerazione nella redazione del PAL.:

AGROALIMENTARE
– Tutela del paesaggio agrario (per es. ripristino muretti a secco, ecc.) e misure per preservare i terreni agricoli dall’uso residenziale;
– Interventi di agricoltura sociale che prevedano azioni che facilitino l’inclusione sociale di giovani stranieri e il loro inserimento nel mondo lavorativo evitando il loro sfruttamento (per es. stage con tutoraggio presso aziende agricole);
– Creazione di una scuola di apprendistato delle arti artigiane e degli antichi mestieri;
– Valorizzazione del centro agro-industriale di Avola;
– Promozione del territorio e valorizzazione dei prodotti come via maestra per creare opportunità di sviluppo, mediante:
1) trasformazione del prodotti legati al territorio e alla stagione (pomodoro, mela cotogna, uva, arance);
2) coinvolgimento dei visitor in aula per la narrazione della storia dei prodotti come viaggio nei valori dell’autenticità ed in workshop operativi comuni (i visitor potranno acquistare i prodotti da loro stessi trasformati);
3) progettazione e stampa di opere artigianal-digital-artistiche in ceramiche 3D da utilizzarsi per il confezionamento del prodotto trasformato.

TURISMO SOSTENIBILE
– Creazione di mercati ove è possibile acquistare prodotti agricoli, agroalimentari e artigianali locali;
– Creazione di piste ciclabili in tutto il territorio;
– Favorire la mobilità con l’incremento dei servizi di transfer / navetta per il collegamento e la visita di località turistiche;
– Formazione per operatori della somministrazione di cibo e bevande, pescatori, agricoltori, ecc., affinché mantengano pulito il territorio, oggi molto sporco; ciò con la collaborazione del settore pubblico che deve migliorare il sistema di raccolta dei rifiuti;
– Collaborazione pubblico-privata per favorire il Bike-tourism nella tratta Noto-Pachino con il ripristino e la rifunzionalizzazione degli antichi magazzini ferroviari da adibire a punti di ristoro, ostelli ecc., e, in genere a servizi ai ciclisti, grazie all’iniziativa privata; e la creazione della pista ciclabile grazie all’iniziativa del settore pubblico.

Oltre alle succitate proposte, alcuni partecipanti hanno voluto anticipare che durante il Laboratorio tematico trasversale del giorno successivo sarebbero state presentate ulteriori idee progetto riguardanti:
– Interventi a favore del turismo accessibile, ossia a favore di persone con disabilità;
– Interventi per un miglior coordinamento e una gestione efficiente della rete degli operatori dell’accoglienza e della ristorazione.

Il Direttore del GAL Eloro ha chiarito che la raccolta degli obiettivi espressi dal partenariato presente è importante non solo per il loro inserimento del Piano di Azione Locale ma anche perché, nel caso di obiettivi non pertinenti col PAL, il GAL potrà comunque far presenti tali esigenze all’amministrazione regionale che gestisce le somme del P.O. FESR “Sicilia” 2014-2020 e che, quindi, dovrà tener conto delle esigenze espresse localmente e delle risorse da destinare al nostro territorio anche grazie alle indicazioni fornite dal GAL.

Il dott. CAMPANELLA, ascoltate le proposte, ha rilevato che molte si sposano con la progettualità dell’Hub giovanile e che tale strumento potrebbe stimolarle e rafforzarle. Inoltre, ha ricordato che spesso è fondamentale la collaborazione tra iniziativa privata e pubblica, nel senso che spesso le condizioni per favorire l’iniziativa privata sono create dalle amministrazioni comunali e quindi Il GAL cercherà di favorire queste sinergie, come nel caso, per esempio, della pista ciclabile della tratta Noto – Pachino.

Prima di concludere l’incontro, Il dott. CAMPANELLA ha spiegato che ci sono due possibilità per poter presentare delle proposte ai fini di un finanziamento:
1) Presentare un progetto come entità singola, e ciò normalmente rispondendo a bandi dei Fondi SIE pubblicati dalla Regione Siciliana;
2) Presentare un progetto come rete d’imprese tramite i fondi LEADER del FEASR; infatti i bandi emanati dai GAL tenderanno a privilegiare il finanziamento di progetti di rete.

Alle ore 19:30 il Direttore del GAL Eloro ha ringraziato tutti i presenti e dichiarato concluso l’incontro, dando appuntamento al Laboratorio tematico trasversale del giorno successivo, alle ore 17:00 nella stessa sede.

14479767_1090511464365880_5310339509071634754_n 14370153_1090511931032500_45957438292490609_n 14448990_1090511591032534_7282740418861893395_n 14469633_1090511724365854_4755103229774696540_n 14457439_1090512194365807_1357764532494995551_n 14470596_1090512027699157_533626186865951051_n 14484958_1090512007699159_805396145747633581_n 14485113_1090512254365801_1583813995140159305_n 14370305_1090512297699130_4309723769838962142_n 14469730_1090512514365775_1655219962619866820_n 14463174_1090512594365767_3882520667652787881_n 14449736_1090512671032426_6125439225401729827_n 14469606_1090512824365744_5346065531773677729_n 14479666_1090512904365736_7598320732441699183_n 14479531_1090513011032392_1727618073571935868_n 14470513_1090513131032380_7078286360304327891_n 14446150_1090513201032373_8701676387265617869_n 14433075_1090513321032361_7698650783226124544_n 14492624_1090513264365700_3910407938436853782_n 14463238_1090513367699023_1293193129405248568_n 14390641_1090513437699016_2169374400457845535_n 14494729_1090513481032345_71114160273819413_n 14469633_1090513634365663_5426218414686573237_n 14457260_1090513754365651_6265016287103606881_n 14485049_1090514277698932_2930051070337170229_n 14449751_1090514364365590_3996349879617400558_n 14449953_1090514457698914_5061406587022394754_n 14485128_1090514567698903_5581073705293723723_n 14462799_1090514784365548_5714570443537777008_n 14369979_1090514957698864_3759374258053312111_n 14448968_1090514917698868_4178869490340992191_n 14463253_1090515031032190_8415739896143039064_n 14449727_1090515151032178_4579210402499101877_n 14433222_1090515197698840_8568320431384198927_n 14495372_1090515264365500_8574195404670758279_n 14469541_1090515324365494_7289529791828325500_n 14449872_1090515414365485_6090354537630045794_n 14463032_1090515524365474_4160874524493547971_n 14463150_1090515674365459_4794534227899620577_n 14434986_1090515714365455_1332400636316323779_o 14449825_1090515767698783_995789006490131109_n

Older posts

© 2017 Gal Eloro

Up ↑