Month: novembre 2015

Comunicato Ruralità Mediterranea Turismo Su La 7 Gustibus sbarca in Sicilia Domenica 29 novembre, ore 12.05.

Nell’ambito del progetto di cooperazione Ruralità Mediterranea Turismo – RADAMES è stato realizzato un documentario che andrà in onda nella puntata di domenica 29 novembre su La7 GUSTIBUS, alle ore 12.05, il programma dedicato alla cucina e ai migliori prodotti del settore enogastronomico.

Su La 7, nella puntata in onda domenica 29 novembre, alle ore 12.05, il programma Gustibus sbarca in Sicilia alla scoperta dei territori che i GAL dell’area sud-orientale, Kalat, Eloro, Etna ed Terre dell’Etna e dell’Alcantara hanno contribuito a promuovere e valorizzare, nell’ambito della più ampia strategia coordinata dall’Agenzia per il Mediterraneo attraverso il marchio «Ruralità Mediterranea».

Un impegno che si esplica ad esempio nel progetto del «Passaporto del gusto», con cui si certifica l’origine e la qualità dei prodotti di eccellenza, come il Pane e la pasta di Tumminia, ma che vive anche attraverso una ricca rete di itinerari turistici volta a promuovere un turismo di tipo rurale, da vivere ad esempio attraverso il sistema degli agriturismi locali.

I sapori della Sicilia sud-orientale rivivranno anche nella ricetta realizzata in studio: «Formaggio in carrozza con gelatina di vino rosso e pesto dell’Etna».

Gustibus è un programma realizzato con il sostegno di CREA nell’ambito del progetto «Rete Rurale Nazionale».

Comunicato Stampa GUSTIBUS – Sicilia

Comunicato Stampa SIAMAP 2015

Sotto il patrocinio dell’Osservatorio SERVAGRI e con il sostegno di UTAP e CIA Siracusa, il 31 ottobre 2015, presso il Salon d’Honneur SIAMAP 2015, sono stati firmati dai rispettivi presidenti il protocollo di gemellaggio tra le donne agricoltrici e quello tra gli apicoltori delle due organizzazioni; la Sicilia e la Tunisia diventano sempre più uno spazio comune di confronto, condivisione, crescita e occupazione, grazie al patrimonio comune di radici culturali e tradizioni che, nel settore agroalimentare, si traducono in standard comuni di qualità, tracciabilità, sicurezza dei nostri prodotti. Dal 28 ottobre al 1° novembre, infatti, una delegazione italiana composta dal direttore di CIA Siracusa Sebastano AGLIECO, dal coordinatore generale dell’Osservatorio SERVAGRI e direttore del GAL Eloro Sergio CAMPANELLA, dal presidente dell’Associazione Regionale Apicoltori Siciliani (ARAS) Rosa SUTERA e dalla vicepresidente dell’Associazione Donne in Campo Luciana VERMIGLIA, hanno animato uno stand comune CIA, SERVAGRI, ARAS e Donne in Campo, realizzando una serie di degustazioni di oli novelli e bio a marchio DOP, pomodori secchi IGP Pachino tra cui anche il tipo “ciliegino” e mieli di diverse varietà: dal castagno all’eucalipto, dalla sulla al timo, dalla mielata ai fiori d’arancio e di limone. <<Il successo riscontrato dai nostri prodotti è stato strepitoso>> ha dichiarato il direttore AGLIECO <<e qui riscontriamo moltissime opportunità di sbocco per i nostri agricoltori, soprattutto in termini di innovazione di processo e di prodotto di cui anche le nostre produzioni potrebbero beneficiare: occorre, però, che i nostri agricoltori si liberino da ogni pregiudizio, anche in termini di concorrenza, e comincino a conoscere meglio i propri vicini di casa, scoprendo così che le potenzialità da sfruttare sono molteplici e con ricadute davvero esponenziali>>. La presidente SUTERA ha voluto sottolineare che <<lo scambio di know-how non solo in termini di lotta alle malattie dell’ape, ma anche in termini di transumanza e trattamento del miele non aiuta solo i produttori, ma anche l’ambiente in cui essi si muovono, permettendo più am pie prospettive alle nuove generazioni>>. E, a proposito di generazioni e di approccio di genere, la vicepresidente VERMIGLIA, nell’evidenziare tutto il suo entusiamo per l’esperienza realizzata, ha puntualizzato che <<in Tunisia c’è davvero molto da fare per i nostri giovani e le nostre giovani donne che vogliono apportare nuovi beni e servizi in ambito rurale: dalle agroenergie agli ecoimballaggi e i macchinari per l’agroalimentare, dagli agri-asili nido ed agri-ospizi ai trasporti sostenibili e fattorie didattiche, sociali e terapeutiche, c’è un intero universo di possibilità capace di apportare un enorme valore aggiunto a questo territorio e grandi possibilità di riscatto socioeconomico per i nostri e per i loro giovani, così come per le donne che costituiscono l’80% della forza-lavoro nel settore agricolo e agroalimentare tunisino>>. <<L’Osservatorio SERVAGRI, in quanto polo d’eccellenza dell’agroalimentare italo-tunisino che ha già realizzato azioni pilota dimostrative “sul campo” in materia di olivicoltura, apicoltura, agricoltura biologica e fliera corta, non si pone solo l’obiettivo di modernizzare in un percorso comune le singole filiere agroalimentari>> conclude il direttore CAMPANELLA <<ma mira anche alla costituzione di un presidio di forte garanzia sul rispetto degli standard di qualità, piena tracciabilità e sicurezza dei prodotti di entrambi i Paesi, affiancandovi l’incubazione e l’accompagnamento di start-up di microimprese giovanili e femminili che asicurino il sostegno ai bisogni reali dell’agroalimentare e di quel mondo rurale fatto di piccole imprese agricole e di agricoltura familiare>>.

32

1

Avviso Aggiudicazione definitiva gara per laffidamento in appalto del servizio di valorizzazione dei territori dei GAL – RAMSES

PSR Sicilia 2007-2013. Asse IV «Attuazione dell’Approccio Leader». Intervento codice – CIG 6404153A3B CUP D56G15000440009 Avviso Esito Gara Procedura ristretta sotto soglia per l’affidamento in appalto del servizio di valorizzazione dei territori dei GAL – RAMSES», a valere sulla Misura 421 PSR Sicilia 2007-2013.

Scarica l’avviso

© 2017 Gal Eloro

Up ↑